Calce e produzione di calce

La calce veniva ricavata dalla cottura della pietra nelle calcare ovvero fornaci.

La calce veniva ricavata dalla cottura della pietra nelle calcare ovvero fornaci, dove, soprattutto nel periodo invernale, vi lavorava la maggior parte degli uomini. Nella calcara, che di solito si trovava in prossimità dei villaggi, la pietra veniva sottoposta al processo di cottura che poteva durare dagli 8 ai 12 giorni consecutivi. Il calore faceva evaporare tutte le componenti, tranne la calce. La calce veniva, in genere, usata dai muratori e dagli agricoltori. Prima dell’utilizzo veniva “spenta” in piccole fosse dette “jeplence”, che potevano essere ad uso privato, se collocate negli orti accanto alle singole proprietà, oppure pubbliche se site in un luogo di proprietà comune.

 

Ritorna alla lista